Saturday, December 13, 2008

RICORDANDO GIACOMO PUCCINI

Il 22 dicembre ricorrerà il 150° anniversario della nascita del grande compositore Giacomo Puccini, il quale poté studiare al Conservatorio di Milano, grazie ad una borsa di studio fattagli avere dalla Regina Margherita, che ebbe fiducia in lui, malgrado lo zio materno Fortunato Magi, che lo considerava un allievo non particolarmente dotato e soprattutto poco disciplinato, al punto da definirlo un «falento», ossia una fannullone senza talento.
Giacomo Puccini dedicò il suo celebre “Inno a Roma” alla Principessa Jolanda di Savoia; un inno che ancora oggi viene considerato “fascista” e, pertanto, spesso messo al bando, mentre, invece, venne musicato nel 1919, utilizzando note già utilizzate per l’“Inno a Diana”, che è del 1897.
Puccini musicò l’“Inno a Roma”, su versi di Fausto Salvatori (1870 – 1929), il quale inserì il verso “Tu non vedrai nessuna cosa al mondo, maggior di Roma”, riprendendo il verso di Orazio Flacco Quinto “Possis nihil Urbe Roma visere maius”; ossia, “Tu non potrai mai vedere nulla più grande di Roma”.

0 Comments:

Post a Comment

<< Home