Monday, March 23, 2009

ALMENO CHI RAPPRESENTA LO STATO LA SMETTA DI PARLAR MALE DELL'ITALIA

Resto disorientato dalle dichiarazioni del magistrato Cuno Tarfusser, il quale al telegiornale di Rai 3, invitato a commentare il ritorno in Parrocchia di don Guido Carli, ha risposto testualmente: “Meglio non commentare. In questo paese può succedere di tutto”.
Il disorientamento ha due motivazioni:
1) appare frutto di grande superficialità il fatto che un magistrato non si renda conto che il ritorno di don Carli in Parrocchia non dipenda da azione dello Stato italiano; ma da decisione dell’Organizzazione della Chiesa, indipendente nell’ambito dello Stato; in analoghe e ben più gravi situazioni verificatesi, ad esempio, in Austria e negli Usa, nessuno ha mai pensato dovesse intervenire il potere civile, per rimuovere religiosi dal loro ministero; pertanto, la censura nei confronti del Paese è assolutamente fuori luogo, a meno che non rientri nel ricorso di un abusato luogo comune;
2) trovo assolutamente inqualificabile che un magistrato che rappresenta lo Stato in un Organismo internazionale, rilasci dichiarazioni che esprimono disprezzo nei confronti di questo Stato, nei confronti del quale, tra l’altro, ha prestato giuramento di fedeltà.
Queste sono le cose che non dovrebbero davvero succedere.
Waldimaro Fiorentino

0 Comments:

Post a Comment

<< Home